Passa ai contenuti principali

Hanafuda: regole del Koi Koi

Il koi koi è il gioco più popolare e anche il più praticato, in cui si possono utilizzare le tessere Hanafuda.
Le regole sono simili a quelle della scopo, infatti è popolare trai bambini.
La partita viene giocata tra due giocatori.
Prima di iniziare la partita i giocatori si accordano sul numero di mani da svolgere; si è soliti far durare una partita un anno (12 mani) in modo da chiamare tutti i semi del mazzo. Ma non sono rare partite di 6 o 3 mani per rendere più veloce il gioco.
La mano inizia dopo aver mischiato e distribuito le carte:
vengono distribuite 8 carte a ciascun giocatore e 8 in tavola scoperte, le restanti carte formano il Mazzo della pesca.
A turno ciascun giocatore svolge una mossa, essa consiste due fasi:
il giocatore posa a scelta una delle proprie carte, se in tavola c'è una carta dello stesso seme avviene la presa, altrimenti viene posata, poi sempre il giocatore gira una carta del mazzo, e con le medesime regole effettua o la presa o la posata.
Ogni giocatore effettua le prese nel tentativo di realizzare certe combinazioni che danno punti.
Tutte le carte prese vanno tenute scoperte davanti a sé e l'avversario ha il diritto di vederle. A ciascuna combinazione corrisponde un punteggio.
La mano termina quando finiscono le carte dei due giocatori o quando un giocatore decide di interromperla. 

Un giocatore può interrompere la mano ogni volta che realizza una combinazione o che aggiunge un punto ad essa. 

Quando un giocatore realizza una combinazione, ha la possibilità di decidere se interrompere la partita prendendo i punti accumulati, o fare Koi Koi, ovvero continuando la partita cercando di realizzare una nuova combinazione o di aggiunge un punto alla precedente, nel secondo caso se il giocatore che ha dichiarato Koi Koi riesce a chiudere la partita i punti che ha realizzato verranno raddoppiati.

Solo uno dei giocatori fa punti, il giocatore che interrompe la mano fa tutti i punti corrispondenti alle combinazioni che ha realizzato, l'avversario fa zero. Se una mano termina per esaurimento delle carte, fa punteggio il giocatore che ha realizzato le combinazioni più valorose. 

Se finiscono le carte senza combinazioni, il giocatore che ha iniziato fa 6 punti. 

Inizia la mano successiva il giocatore che ha vinto.

Le regole del Koi-Koi sono comunque soggette a numerose varianti, sia riguardo alle combinazioni possibili, sia ai punteggi relativi.

Solitamente quando un giocatore realizza 7 punti o più in una mano il punteggio viene raddoppiato.

Altre combinazioni che danno punti:

Punti              Nome 

5                Sankō (三光) 3 carte potenti senza Ono no Tōfū.
8               Ame-Shikō (雨四光) 4 carte potenti con tra queste Ono no Tōfū.
7               Shikō (四光) 4 carte potenti senza Ono no Tōfū.
10            Gokō (五光) Tutte le 5 carte potenti.
5              Inoshikachō (猪鹿蝶) 3 Animali del Bosco: Farfalle, Cinghiale e Cerbiatto.
1             Tane (タネ) 5 Animali (valgono come animali anche l'acqua e il sake), si aggiunge 1 punto    per ogni animale supplementare.
6           Akatan (赤タン) 3 Nastri Kanji. 
6            Aotan (青タン) 3 Nastri Viola. 
1                Tan (タン) 5 Nastri qualunque, si aggiunge 1 punto per ogni nastro supplementare.
1           Kasu (カス) 10 carte normali (il Sake vale anche come carta normale), si aggiunge un punto per ogni carta normale supplementare.
4             Kuttsuki (くっつき) Le 4 carte corrispondenti al seme della mano.

Esiste una variante del Koi-Koi giocata da quattro giocatori.

Se volete fare una prova seguite il link che trovate qui

Commenti

Post popolari in questo blog

Account iTunes Giapponese.

Letture: Autostop con il Buddha.

Nuova rubrica sempre più attuale. Mi hanno chiesto spesso durante gli ultimi viaggi, consigli su libri per approfondire la conoscenze del Giappone e soprattutto dei giapponesi.  Oggi Inizio questa rubrica con un consiglio particolare, non è certo un saggio sociologico, ma comunque penso debba far parte delle letture necessarie per capire come uno straniero che vive in Giappone vede questo affascinate ma anche complicato paese.

Autostop con il Buddha: diWill Ferguson, narra il viaggio, appunto in autostop, di uno straniero, che partendo dall'estremo sud (l'inferno) a nord , segue la fioritura dei ciliegi. Questa premessa è un pretesto per raccontare il Giappone attraverso i personaggi incontrati, dalle personalità sfaccettate, ricche di apparenti contraddizioni all'occhio non attento..  Non mancano Gag e incomprensioni culturali che riescono a rendere allegro e mai noioso il racconto.
Buona lettura. ^-^ Potete ordinarlo da da Amazon su questo link aiutando cosi il mio blog s…

Obuse e Hokusai:

Obuse é una piccola città non lontano da Nagano, il cui grazioso centro di casette in legno ci fa tornare in dietro nel tempo. Come tutta la zona di Nagano anche Obuse è famosa per la produzione di sake, ma molti non sanno che è anche la città dove il famoso artista Hokusai ha trascorso l'ultima parte della sua vita.
Nel centro della città, sia apre sulla piazza principale il museo a lui dedicato.
Hokusai fu invitato a trasferirsi ad Obuse dal mercante Takai Kozan, innamorato delle opere del talentuoso artista, a tal punto da sostenerlo economicamente in modo che si potesse dedicare esclusivamente alle sue opere. In seguito Kozan divenne suo allievo e contribui a trasformare Obuse in una piccola città ricca di arte e di cultura.
Ancora oggi ha mantenuto questo spirito e grazie al suo patrimonio culturale, offre ai viaggiatori una varietà di musei d'arte e produzione locali.
I prodotti tipici della zona sono il sake e birra che vengono prodotti in distillerie locali, e dolci a b…