Passa ai contenuti principali

Ryuho Draft; la birra blu.

imageOrmai dal 2009 questa curiosa bevanda arricchisce le tavole dei nostri amici d'oltre mare.

Infatti è il prodotto di punta della compagnia Abashiri è indubbiamente la birra blu, e non fa che stupire gli stranieri amandi della birra.




La birra blue è prodotta in Hokkaido ed è un prodotto naturale al 100%. Contiene il 5% di alchool, la spirulina (un alga naturale che le da il suo notorio colore) e acqua che proviene dagli  iceberg.

 

A questo punto la domanda nasce spontanea... balla a vedersi ma il sapore?

Io nei miei viaggi l'ho assaggiata, e secondo me per essere una birra giapponese non è affatto male, leggera (forse arriva a 10°), il sapore delle alge è totalmente assente è il divertimento nel vedere gli occhio stupiti di chi ti osserva metre la bevi, non ha prezzo!!!!

Da qualche tempo la nota come Ryuho Draft, è stata affiancata dalla messa in vendita anche di una versione rossa ed una verde.

Sito ufficiale

Commenti

  1. Curiosa, adesso la voglio assaggiare assolutamente... Però 10° non mi sembra proprio leggera come birra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ho usato il termine sbagliato con "leggera", ma itendevo dire che non ha un sapore forte. Gomen

      Elimina
  2. La prossima volta che ci andiamo ti porto ad assaggiarla.

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Allora la birra, come gli alcolici costicchiano... le birre nazionali normali costano intorno ai 5/6 euro. Quelle d'importazione e quelle particolari come questa, vanno usi 9/10 euro.
      Tutto cambio permettendo!!!

      Elimina
  4. Aggiornamento, ho scoperto ora che ne esiste anche una rosa!!!

    RispondiElimina
  5. scusate, dove la posso acquistare?
    grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Account iTunes Giapponese.

Letture: Autostop con il Buddha.

Nuova rubrica sempre più attuale. Mi hanno chiesto spesso durante gli ultimi viaggi, consigli su libri per approfondire la conoscenze del Giappone e soprattutto dei giapponesi.  Oggi Inizio questa rubrica con un consiglio particolare, non è certo un saggio sociologico, ma comunque penso debba far parte delle letture necessarie per capire come uno straniero che vive in Giappone vede questo affascinate ma anche complicato paese.

Autostop con il Buddha: diWill Ferguson, narra il viaggio, appunto in autostop, di uno straniero, che partendo dall'estremo sud (l'inferno) a nord , segue la fioritura dei ciliegi. Questa premessa è un pretesto per raccontare il Giappone attraverso i personaggi incontrati, dalle personalità sfaccettate, ricche di apparenti contraddizioni all'occhio non attento..  Non mancano Gag e incomprensioni culturali che riescono a rendere allegro e mai noioso il racconto.
Buona lettura. ^-^ Potete ordinarlo da da Amazon su questo link aiutando cosi il mio blog s…

Obuse e Hokusai:

Obuse é una piccola città non lontano da Nagano, il cui grazioso centro di casette in legno ci fa tornare in dietro nel tempo. Come tutta la zona di Nagano anche Obuse è famosa per la produzione di sake, ma molti non sanno che è anche la città dove il famoso artista Hokusai ha trascorso l'ultima parte della sua vita.
Nel centro della città, sia apre sulla piazza principale il museo a lui dedicato.
Hokusai fu invitato a trasferirsi ad Obuse dal mercante Takai Kozan, innamorato delle opere del talentuoso artista, a tal punto da sostenerlo economicamente in modo che si potesse dedicare esclusivamente alle sue opere. In seguito Kozan divenne suo allievo e contribui a trasformare Obuse in una piccola città ricca di arte e di cultura.
Ancora oggi ha mantenuto questo spirito e grazie al suo patrimonio culturale, offre ai viaggiatori una varietà di musei d'arte e produzione locali.
I prodotti tipici della zona sono il sake e birra che vengono prodotti in distillerie locali, e dolci a b…