Passa ai contenuti principali

Japan Experience

Inauguriamo questo nuovo spazio dove chi ha voglia, a iniziare dai collaboratori puo raccontare le sue esperienze con il mondo chiamato Giappone:

Apetto vostre notizie!!!

La lingua giapponese

Ciao a tutti ^^
Vorrei aprire una piccola parentesi basata sulla mia esperienza di vita e dare qualche consiglio per lo studio, spero di non dire cose troppo scontate e che questo possa motivare ed essere utile a chi come me ama il Giappone.
E' un credo comune, pensare che la lingua giapponese sia impossibile da imparare.
Il fatto che noi europei e non solo, non siamo in grado di leggere cosa ci sia scritto ad esempio in un loro opuscolo, perché al posto dell'alfabeto (specificando che ora esiste anche una trascrizione fonetica chiamata romaji, utile per varie cose tra cui lo studio del giapponese alle prime armi) hanno i kanji (ideogrammi) nonché i sillabari hiragana e katakana, fa subito pensare ai più che sia un'impresa folle e spesso inutile.
Invece le cose non vanno esattamente così.
In particolare, per una persona italiana, la pronuncia del giapponese risulta piuttosto semplice, perchè i suoni sono quasi tutti pure nella nostra lingua.
Anche per quanto concerne la grammatica, noi non possiamo certo lamentarci!
In italiano, i verbi hanno tantissimi tempi e modi, nonché la desinenza e a volte non solo quella, che cambia per ogni persona singolare e plurale.
Il giapponese è una lingua che per sua natura ama l'essenziale, proprio come la stessa cultura giapponese preferisce non imporre o esternare ad ogni costo le proprie opinioni, ma piuttosto è più portata a stare sul vago.
Per questo, giusto per citarne una, il verbo cambia il tempo ma rimane uguale per tutte le persone.
Ci sono delle particelle che aiutano a capire il soggetto, l'oggetto e così via della frase, gli aggettivi che vengono coniugati come un verbo, tante cose ed espressioni affascinanti, che con un po' di passione fanno senz'altro superare le prime fasi di smarrimento.
Poi abbiamo i nostri cari manga e anime in lingua originale, che sono un'alternativa divertente ai tipici ascolti scolastici.
Forse molte espressioni già le abbiamo in testa proprio grazie agli anime, ma non ci abbiamo mai fatto caso.
Io ho iniziato a studiare come autodidatta da una piccola grammatica tascabile perchè con il lavoro non avevo davvero tempo di frequentare una scuola, anche perchè vivevo in periferia e sarebbe risultato molto costoso a livello di benzina e tempo.
La grammatica inizia con i sillabari hiragana e katakana, e per impararli me li scrivevo all'infinito su un foglio, perchè gradualmente mi venissero automatici.
Poi si apprendono la struttura della frase, le espressioni, gli aggettivi, i tempi ecc.
Dopo la grammatica ho studiato i kanji con le loro pronunce on e kun (la quantità totale di kanji esistenti è ciò che magari noi occidentali avremo più problemi a distinguere tra loro, non lo metto in dubbio, ma per i primi livelli è più semplice di quanto sembri), e sempre aiutandomi con gli anime per gli ascolti, ho studiato le parole e tutto l'occorrente per l'esame JLPT 4.
E' ovvio che, come per tutte le lingue, nessuna esclusa, ci vogliano anche impegno e perseveranza, ma consiglio di provarci una volta nella vita.
Non c'è niente di impossibile!
E se anche un test non venisse passato, qualcosa ci avrà comunque arricchito, oppure si può riprovare il test un anno o due dopo, no? :)
Quindi in bocca al lupo a tutti coloro che si metteranno in gioco in questa affascinante avventura :)

Ganbatte ne!!

Di Taki

Post popolari in questo blog

Account iTunes Giapponese.

Letture: Autostop con il Buddha.

Nuova rubrica sempre più attuale. Mi hanno chiesto spesso durante gli ultimi viaggi, consigli su libri per approfondire la conoscenze del Giappone e soprattutto dei giapponesi.  Oggi Inizio questa rubrica con un consiglio particolare, non è certo un saggio sociologico, ma comunque penso debba far parte delle letture necessarie per capire come uno straniero che vive in Giappone vede questo affascinate ma anche complicato paese.

Autostop con il Buddha: diWill Ferguson, narra il viaggio, appunto in autostop, di uno straniero, che partendo dall'estremo sud (l'inferno) a nord , segue la fioritura dei ciliegi. Questa premessa è un pretesto per raccontare il Giappone attraverso i personaggi incontrati, dalle personalità sfaccettate, ricche di apparenti contraddizioni all'occhio non attento..  Non mancano Gag e incomprensioni culturali che riescono a rendere allegro e mai noioso il racconto.
Buona lettura. ^-^ Potete ordinarlo da da Amazon su questo link aiutando cosi il mio blog s…

Obuse e Hokusai:

Obuse é una piccola città non lontano da Nagano, il cui grazioso centro di casette in legno ci fa tornare in dietro nel tempo. Come tutta la zona di Nagano anche Obuse è famosa per la produzione di sake, ma molti non sanno che è anche la città dove il famoso artista Hokusai ha trascorso l'ultima parte della sua vita.
Nel centro della città, sia apre sulla piazza principale il museo a lui dedicato.
Hokusai fu invitato a trasferirsi ad Obuse dal mercante Takai Kozan, innamorato delle opere del talentuoso artista, a tal punto da sostenerlo economicamente in modo che si potesse dedicare esclusivamente alle sue opere. In seguito Kozan divenne suo allievo e contribui a trasformare Obuse in una piccola città ricca di arte e di cultura.
Ancora oggi ha mantenuto questo spirito e grazie al suo patrimonio culturale, offre ai viaggiatori una varietà di musei d'arte e produzione locali.
I prodotti tipici della zona sono il sake e birra che vengono prodotti in distillerie locali, e dolci a b…